Alberghiera.it

Salvia fritta

di: RicFriulan

Ingredienti per 4 persone

Procedimento

1. Pulite, lavate e asciugate delicatamente le foglie di salvia.

2. In una terrina versate un po’ di latte e, sbattendo con una frusta a mano, aggiungete un po’di farina passata prima al setaccio. Quando gli ingredienti si saranno ben amalgamati, versate il resto del latte e, sempre mescolando, il resto della farina.

3. Sgusciate quindi l’uovo e separate il tuorlo dall’albume. Versate l’albume in una ciotola, aggiungete un pizzico di sale e, con l’aiuto di una frusta a mano o di un frullatore elettrico, montatelo a neve.

4. Prendete il mezzo limone, lavatelo e grattugiate nell’impasto la scorza facendo attenzione che tutta la parte bianca venga eliminata.

5. Aggiungete quindi all’impasto il tuorlo e l’albume montato a neve e mescolate bene gli ingredienti. Mettete a riposare la pastella in frigo per 5 minuti.

6. Nel frattempo in una padella con i bordi alti versate l’olio. Quando sarà ben caldo, togliete la pastella dal frigo, immergetevi le foglie e trasferitele immediatamente nella padella. Fatele friggere fino a quando formeranno una crosticina dorata. Scolatele con una schiumarola, fatele asciugare su un foglio di carta assorbente e spolveratele con un pizzico di sale fino (se preferite la variante dolce potete spolverizzarle con lo zucchero).

7. Servitele calde.

Vino da abbinare

Traminer

Note / consigli

Una riproposizione nuova per un’idea antica, quella di utilizzare tutto quanto c’era a disposizione per metterlo a tavola. La salvia può anche essere sbriciolata nella pastella da friggere poi a cucchiaiate. La “Salviada” o “Salviade” , questo il nome locale del piatto, spolverizzata di zucchero, poteva anche essere servita al posto del dolce o a merenda.

Caratteristiche

Tempo di preparazione 20 minuti
Portata antipasti e piatti d'apertura ; 
Origine Italia
Stagionalità primavera estate autunno 
Tipo di preparazione friggere